arrow-right cart chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up close menu minus play plus search share user email pinterest facebook instagram snapchat tumblr twitter vimeo youtube subscribe dogecoin dwolla forbrugsforeningen litecoin amazon_payments american_express bitcoin cirrus discover fancy interac jcb master paypal stripe visa diners_club dankort maestro trash
ENG ITA

Gazette

NEXT EVENT: Presentazione libro "Chissà che l'utopia non vinca"


Domenica 9 Dicembre ore 19:00 in Sartoria Ciclistica per una serata ricca di aneddoti, retroscena e tante storie "utopiche".

Si dice che l’utopia sia un’illusione, qualcosa da stolti sognatori, tanto stupida da squalificare chi la insegua, come se non avesse di meglio da fare che sprecare il proprio tempo. Eppure basterebbe alzare gli occhi al cielo, alzarsi in piedi sui pedali, per accorgersi che l’utopia è qualcosa di tangibile, visibile a occhio nudo”.

NEXT EVENT: Presentazione libro

Si dice che l’utopia sia un’illusione, qualcosa da stolti sognatori, tanto stupida da squalificare chi la insegua, come se non avesse di meglio da fare che sprecare il proprio tempo. Eppure basterebbe alzare gli occhi al cielo, alzarsi in piedi sui pedali, per accorgersi che l’utopia è qualcosa di tangibile, visibile a occhio nudo”.

Che cos'è

Dopo tre estati contraddistinte da tre antologie di racconti sul Tour de France, per il 2018 la redazione di Bidon ha atteso l'autunno per raccogliere insieme una serie di storie e visioni dal respiro più ampio, che va ad abbracciare l'intera stagione ciclistica - e oltre.

Il risultato è un plico un po' più corposo degli anni passati, nel quale le vicende degli uomini e delle corse si sviluppano come sogni, in una lunga navigazione verso un'isola dove tutto si compia, e poco importa che questo inseguimento raggiunga o meno il suo risultato. “Chissà che l'utopia non vinca” è un omaggio esteso a chi pedala, racconta, sogna usando la bicicletta come strumento per inseguire l'orizzonte.

È un libro in cui dopo un pezzo su Ernest Hemingway si parla con nonchalance di Niki Terpstra; tra Froome e Rogli spuntano Giotto e Garcia Márquez. In mezzo c'è spazio per due lunghi diari giornalieri č (quello di Eugert Zhupa dal Giro d'Italia e quello di Bidon al Tour de France) e per sei lunghi articoli e due interviste attraverso cui ripercorrere una stagione di ciclismo ma anche scoprire le vite di Graeme Obree e di Claudio Gregori, o esplorare la Filottrano orfana di Michele Scarponi. La prefazione è a cura di Gino Cervi, autore, progettista e coordinatore di un gran numero di pubblicazioni di sport, nonchè fidato coequipier della squadra di Bidon - ciclismo allo stato liquido. La copertina è stata realizzata da Alessandro Vangi.

Dove si trova

“Chissà che l'utopia non vinca” è disponibile dal 21 novembre, in versione cartacea e digitale, su tutte le principali piattaforme online (Payhip, Streetlib, ibs, Amazon, Kobo, Google, Apple). Per la prima volta sarà possibile anche ordinare la copia cartacea direttamente in libreria, nei negozi Ubik, Feltrinelli, Mondadori e Coop. Il costo è di 12,99€ (ebook 5,99€).

Ovviamente sarà possibile acquistarlo anche durante la serata in Sartoria Ciclistica ad un prezzo speciale!

Quando la presentazione in Sartoria Ciclistica?

Domenica 9 Dicembre ore 19:00 per informazioni potete scrivere a info@sartoriaciclistica.cc

ENG ITA

Shopping Cart